Crea sito

Star Trek e lo scudo deflettore della Terra

Star Trek e lo scudo deflettore della Terra – La Terra è avvolta in un campo di forza invisibile che gli scienziati hanno confrontato con i famosissimi “scudi deflettori” della serie di fantascienza per eccellenza: Star Trek. Un team americano ha scoperto la barriera che dista dalla superficie del nostro pianeta circa 11.600 Km ed è in grado di bloccare il transito dei cosiddetti elettroni killer che scorrazzano attorno alla Terra a velocità prossime a quella della luce. Queste particelle sono intrappolate nelle fasce di Van Allen e costituiscono un serio pericolo sia per i satelliti lanciati in orbita che, indirettamente, per gli astronauti che svolgono missioni nello spazio.

Le fasce di Van Allen sono delle regioni, a forma di ciambella, piene di particelle di alta energia che circondano il nostro pianeta e si sviluppano a partire da una quota di 6.300 Km fino a 40.000 Km.

«È come se gli elettroni finissero per infrangersi contro una parete di vetro, nel bel mezzo dello spazio», commenta Daniel Baker, direttore dello CU-Boulder’s Laboratory for Atmospheric and Space Physics (LASP) e primo autore di uno studio appena pubblicato su Nature. «Un po’ come succede con gli scudi deflettori che vediamo in azione a Star Trek, stiamo assistendo al curioso fenomeno di uno scudo invisibile capace di bloccare il transito agli elettroni ultrarelativistici che si muovono a velocità elevatissima nello strato superiore dell’atmosfera».

La natura del campo di forza rimane un mistero irrisolto. Non sembra essere collegato a linee di campo magnetico o a segnali radio umani, e gli scienziati non sono convinti che sia opera della plasmasfera, ovvero la parte di magnetosfera più interna formata da  una gigantesca nube di gas freddo e carico elettricamente, che si estende per migliaia di chilometri nella fascia di Van Allen.

Conclude il prof Baker: “Credo che la chiave sia continuare ad osservare la regione nei minimi dettagli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.