Crea sito

Facebook e generi

Facebook e generi – Androgino, bi-sex, intersex, transgender, genere fluido (né maschio né femmina), o transessuale. Facebook ha ampliato per gli utenti americani le possibilità di definire se stessi, con più di cinquanta opzioni. Non solo maschio o femmina. Ma un’intera gamma che riflette lo spettro dei generi nel 2014.

I cambiamenti inizialmente riguardano i 159 milioni di utenti negli Stati Uniti. La possibilità verrà poi diffusa in altri paesi (crediamo con molta calma: si pensi alla Russia di Putin, per esempio). Sono stati aggiunti anche tre pronomi: him, her e them (lui, lei e loro). Ali utenti verrà data la possibilità di tenere il genere un’informazione privata.

La mossa di Facebook arriva dopo una campagna cominciata online, in cui i gruppi di attivisti transgender (sempre più organizzati, alla stregua di quelli LGBT) chiedevano che venissero date più possibilità di definirsi. Google + infatti permette di scegliere tra l’opzione “maschio”, “femmina” o “altro”.

Per molte persone queste modifiche non significheranno nulla ma, per i pochi su cui avremo un impatto, questi cambiamenti significano tutto», ha spiegato Brielle Harrison, ingegnere software di Facebook che ha lavorato al progetto e sta affrontando la trasformazione da uomo a donna. Grazie alle nuove categorie potrà modificare la propria identità sessuale su Facebook da “donna” a “TransDonna”. «Troppo spesso ai transgender come me viene offerta solo una scelta binaria, vale a dire scegliere fra essere uomo o donna. Qual è il tuo sesso? E spesso la situazione è disarmante perché nessuna delle opzioni offerte dice agli altri chi siamo veramente», ha proseguito Harrison. «Queste modifiche cambiano quell’aspetto e per la prima volta potrò andare sul sito (Facebook, ndr) e dire alle persone che so qual è il mio genere», ha concluso.

Naturalmente la scelta è stata accolta con entusiasmo dal mondo transgender e LGBT, ma meno apprezzata da gruppi religiosi come l’americano “Focus on the family” di Denver, che vede l’umanità divisa esclusivamente in due generi biologici: maschi e femmine.

Nella sezione di Facebook dedicata alle diversità così è motivata la decisione: “Quando si utilizza Facebook per connettersi con la gente, o per sostenere e supportare cause, vogliamo che il nostro utente si senta se stesso, vero e autentico”.

Un po’ più complesso sarà stabilire il target della pubblicità, attualmente diviso in maschio/femmina.

[da corriere.it]

Se volete  essere sempre aggiornati su tutto ciò che concerne il blog basta un “mi piace” alla fanpage. Vi aspetto numerosi!

No comments yet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*